wahwah news

WahWah-Magazine

WahWah-Magazine

Recensione “Fai la tua Mossa” Le Iene

Recensione “Fai la tua Mossa” Le Iene

WahWah-Magazine

WahWah-Magazine

immagini
swipe up!

Le Iene nascono nella nebbiosa città di Ferrara nell’estate del 2015, in seguito all’incontro di quattro ragazzi: Marcello Medas (alla batteria), Eugenio Zambardi (al basso), Matteo Mastrangelo (voce e chitarre) e Giulio Belletti (al sax), con l’intento di creare una band che fondesse l’aggressività del punk e la carica dello ska.

E’ proprio da qui che partiamo per parlare del loro primo Ep intitolato “Fai la tua Mossa”, prodotto e mixato da Samboela nelle sale studio di Sonika. Il  brano d’apertura del disco è “Il Grande Trionfo”, che fin da subito ci fa percepire la duttilità dei membri della band, capaci di passare da una sonorità tipicamente ska ad una decisamente più heavy. I tempi sono veloci e ben sostenuti, il drumming è fin dall’inizio degno di nota nel groove e nei passaggi, il riffing di sax si appoggia a dovere sulle chitarre e per le orecchie più fini non sfuggirà sicuramente la citazione di “The Trooper” come intermezzo nel brano.

La seconda traccia, “Zorro”, dalle sonorità ben più pacate e spagnoleggianti strapperà sicuramente qualche sorriso all’ascoltatore, specie se ferrarese. Il pezzo gira bene, la band dimostra grande esperienza nella produzione e nella stesura delle canzoni che, nonostante presentino molti stacchi e cambi, risultano sempre moderne ed orecchiabili.

Il terzo brano nella tracklist dell’Ep è in realtà una cover dell’omonimo cartone animato francese “Maledetti Scarafaggi”: sostenuta a dovere, arriva alla fine senza risultare noiosa. “Inversione di Polarità” è invece un brano particolare, spiccatamente melodico, presenta una strofa decisamente hard rock alternata da un tema orecchiabile ed un riffing innovativo e non scontato nel fondere due generi molto differenti; il solo al sax di Giulio Belletti è la dimostrazione che la band è capace allo stesso tempo di mettere gusto e carattere nelle composizioni.

L’Ep si chiude con “Prendi & Vai”, uno dei pezzi che personalmente mi ha colpito di più, sia per le tematiche trattate nel testo, sia per l’energia che la band sprigiona, e che riuscirebbe certamente a trasmettere anche al più scettico degli ascoltatori. Il drumming di Medas è eccelso, ed il ritornello orecchiabile nonostante le sonorità heavy chiude davvero con stile un disco che mette a fuoco le capacità sia come singoli che come insieme dei membri della band.

“Fai la tua Mossa” è un disco innovativo, fresco, giovane e annovera citazioni non indifferenti (tra cui oltre alla già citata “The Tropper”, “Wipe Out” dei Surfaris). Ferrara necessita di tutto quello che questa band oggi ha da offrire, e speriamo vivamente di poterli sentire spesso in altre radio e compilation come “Skannibal Party” della Mad Butcher Records.

Tiziano Albieri

indice
WahWah-Magazine
condividi
condividi
Rimani aggiornato!

Nuovi articoli, storie e podcast a portata di una sola mail.

Sei un musicista o una band?

E vorresti avere uno o più articoli che parlano di te scritti e redatti dal Team di WAHWAH Magazine?

Compila il form qui sotto con i dati essenziali di te o della tua band e raccontaci in poche parole la tua musica.

Oppure prenota un appuntamento

con uno dei redattori di WAHWAH

Clicca il pulsante qua sotto per prenotare un appuntamento Live o a distanza.

Oppure prenota un appuntamento

con uno dei redattori di WAHWAH

Clicca il pulsante qua sotto per prenotare un appuntamento Live o a distanza.

Iscriviti a wah wah news
Leggici sui social!

Vuoi far parte della Redazione di WAHWAH Magazine?

Note: Noi della Redazione di WAHWAH Magazine ci prenderemo 48h per revisionare la tua candidatura.

Iscrizione avvenuta con successo!

Ha fatto parlare Jimi Hendrix, ora fa parlare Noi.

WahWah Team.

Indice dell'articolo